Contattaci subito
torna indietro

BlackRock metterà i cambiamenti climatici al centro della strategia di investimento

Laurence D. Fink, fondatore e amministratore delegato di BlackRock, prevede di annunciare che la sua azienda prenderà decisioni di investimento con la sostenibilità ambientale come obiettivo principale. BlackRock è il più grande nel suo settore, con quasi $ 7 trilioni di dollari in gestione, e questa mossa cambierà radicalmente la sua politica di investimento - e potrebbe rimodellare il modo in cui l'America delle aziende fa affari.
 
Nella lettera annuale di Mr. Fink ai dirigenti delle più grandi aziende del mondo si afferma che BlackRock inizierà a uscire da alcuni investimenti che "presentano un rischio legato alla sostenibilità", come quelli dei produttori di carbone. Il suo intento è quello di incoraggiare ogni azienda, non solo quelle energetiche, a ripensare le proprie impronte di carbonio. "La consapevolezza sta cambiando rapidamente, e credo che siamo sull'orlo di un fondamentale rimodellamento della finanza", ha scritto Fink nella lettera.
 
Il signor Fink non è stato il primo ad affrontare le questioni sociali, ma la sua lettera annuale - come il suo detto due anni fa secondo cui le aziende dovevano avere uno scopo al di là dei profitti - ha la giusta influenza per cambiare le conversazioni all'interno delle sale del consiglio di tutto il mondo. 
BlackRock stesso è stato criticato sia dall'industria che dai gruppi ambientalisti per non aver considerato a lungo questi problemi. Proprio il mese scorso, un gestore di hedge fund britannico, Christopher Hohn, ha dichiarato che era "spaventoso" che BlackRock non richiedesse alle aziende di rivelare i loro sforzi di sostenibilità. Lo scorso anno gli attivisti del clima hanno organizzato diverse proteste fuori dagli uffici di BlackRock e lo stesso Fink ha ricevuto lettere dai membri del Congresso per sollecitare ulteriori azioni sugli investimenti legati al clima. Secondo Ceres e FundVotes, un'unità di Morningstar, BlackRock ha avuto tra i peggiori record di voto sulle questioni climatiche.
 
Negli ultimi anni, molte aziende e investitori si sono impegnati a concentrarsi sull'impatto ambientale delle imprese, ma nessuno dei maggiori investitori nel paese è stato disposto a renderla una componente centrale della propria strategia di investimento. In quel contesto, la mossa di Fink è uno spartiacque, che potrebbe stimolare una conversazione nazionale tra finanzieri e politici. Tuttavia, è anche possibile che alcuni dei più ardenti attivisti del clima lo vedano inadeguato.
 
Quando 631 investitori da tutto il mondo, che rappresentano circa 37 trilioni di dollari in attività, hanno firmato una lettera il mese scorso chiedendo ai governi di intensificare i loro sforzi contro i cambiamenti climatici, le più grandi aziende americane erano evidentemente assenti.
 
La decisione di BlackRock può concedere la licenza di C.E.O.s per modificare la strategia delle proprie aziende e concentrarsi maggiormente sulla sostenibilità, anche se in tal modo si riducono i profitti a breve termine. Un simile spostamento potrebbe anche fornire copertura a banche e altri istituti finanziari che finanziano le imprese che emettono carbonio per modificare le proprie politiche.
 
In un'intervista, il signor Fink ha affermato che ovunque vada, è bombardato da domande sul clima da parte degli investitori, spesso con l'esclusione di questioni che fino a poco tempo fa erano considerate più importanti. "Il cambiamento climatico è quasi sempre il problema principale che i clienti di tutto il mondo sollevano con BlackRock", ha scritto nella sua lettera. "Questa dinamica accelererà man mano che la prossima generazione prenderà il comando del governo e degli affari", ha scritto. "Man mano che migliaia di miliardi di dollari passeranno ai millennial nei prossimi decenni, man mano che diventeranno C.E.O.s e C.I.O.s, quando diventeranno i politici e i capi di stato, rimodelleranno ulteriormente l'approccio mondiale alla sostenibilità".
 
Mentre BlackRock si dedica alle campagne green, l'amministrazione Trump sta andando nella direzione opposta, abrogando e indebolendo le leggi volte a proteggere l'ambiente e promuovere la sostenibilità. In effetti, lo sforzo del signor Fink sembra essere un altro esempio del settore privato che preme sulle questioni che la Casa Bianca ha abbandonato. Tuttavia, Fink ha chiarito che, sebbene intenda che l'azienda consideri i rischi climatici, non perseguirà una vendita generalizzata di società energetiche che producono combustibili fossili. A causa delle sue dimensioni ridotte, BlackRock rimarrà uno dei maggiori investitori mondiali nelle società di combustibili fossili. "Nonostante i recenti rapidi progressi della tecnologia, la scienza non sostituisce molti degli usi essenziali di oggi degli idrocarburi", ha scritto. "Dobbiamo essere consapevoli delle realtà economiche, scientifiche, sociali e politiche della transizione energetica".
 
Fink ha affermato che poiché gran parte del denaro che BlackRock gestisce è investito in fondi indicizzati passivi come quelli che seguono l'S & P 500, la società non è stata in grado di vendere semplicemente azioni di società che riteneva non fossero focalizzate sulla sostenibilità. Ma l'impresa potrebbe farlo in quelli che sono noti come "fondi gestiti attivamente", in cui BlackRock può scegliere quali titoli sono inclusi.
 
"Saremo sempre più disposti a votare contro i dirigenti e i consiglieri di amministrazione quando le aziende non staranno compiendo progressi sufficienti in merito alle informazioni sulla sostenibilità e alle pratiche e ai piani aziendali sottostanti", ha scritto.