Contattaci subito
torna indietro

I coltivatori di aglio che adorano le tariffe di Trump

Quest'anno il presidente Trump ha nuovamente aumentato le tariffe sull'aglio dalla Cina, incrementando la domanda per il raccolto coltivato negli Stati Uniti.
 
"Non è vero che non ci siano vincitori in una guerra commerciale", afferma Ken Christopher, vicepresidente esecutivo della Christopher Ranch, con sede in California, l'ultimo produttore di aglio della nazione. "Quando le tariffe del presidente Trump per l'aglio sono aumentate, è stato a quel punto che l'aglio della California è diventato veramente competitivo."
 
I coltivatori di aglio statunitensi si sono lamentati sin dall'inizio degli anni '90 che la Cina stava inondando gli Stati Uniti con la propria verdura, vendendola a un costo inferiore alla produzione. Questa è una pratica commerciale nota come "dumping". Dopo un'indagine effettuata dal governo statunitense nel 1994, è stato convenuto che alcune aziende cinesi vendevano effettivamente il loro aglio negli Stati Uniti "a un valore inferiore al giusto". Di conseguenza, qualsiasi azienda cinese ritenuta colpevole della pratica è stata colpita da un enorme dazio del 377%. Tuttavia, le aziende cinesi hanno presto trovato il modo di aggirare queste penalità, semplicemente creando nuove attività commerciali.
 
Così l'aglio cinese a buon mercato continuò a inondare negli Stati Uniti. Di conseguenza, delle 12 aziende agricole statunitensi che esistevano negli anni '90, solo tre dei maggiori produttori sopravvissero. Oggi i rimanenti coltivatori di aglio statunitensi affermano che le tariffe di Trump sull'aglio cinese stanno funzionando perché si applicano su tutta la linea e subito - ora non c'è modo per gli importatori di aggirarle. Le tariffe statunitensi sull'aglio cinese sono state fissate per la prima volta al 10% a settembre 2018, prima di salire al 25% da maggio di quest'anno. "Le tariffe di Trump sono tutte valutate e fatturate in anticipo", afferma Christopher. "Quindi è impossibile per i dumper cinesi evadere."
 
Christopher Ranch è stato uno dei tre produttori statunitensi di aglio che ha superato gli anni '90. Oggi raccoglie oltre 100 milioni di sterline (45 milioni di kg) di bulbi ogni anno, fornendo quasi un terzo di tutto l'aglio fresco consumato negli Stati Uniti. 
L'impresa a conduzione familiare ha visto salire le vendite da quando sono state introdotte le tariffe sulle importazioni cinesi. "Stiamo assistendo a una crescita anno dopo anno tra il 6 e il 23% ogni settimana sul nostro aglio fresco", afferma. "Potrebbe non sembrare molto, ma se misurato in milioni di sterline [in peso delle vendite] fa una grande differenza per i nostri profitti."
 
Per accedere all'impatto delle tariffe, la BBC ha esaminato i prezzi giornalieri misurati dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti:
 
Per l'aglio bianco venduto a Boston nell'agosto 2018, una confezione da 13,6 kg dalla Cina costa tra $ 25 e $ 30 (£ 19 e £ 23). Un contenitore di aglio californiano della stessa dimensione era di $ 68. Seguendo le tariffe, il costo della stessa scatola di aglio cinese è salito tra $ 52 e $ 55, mentre l'aglio californiano è ora tra $ 70 e $ 74. Quindi, mentre l'aglio cinese è ancora più economico, la differenza di prezzo si è notevolmente ridotta.
 
L'agricoltore californiano di quarta generazione Jack Vessey, tuttavia, sta perdendo la rinnovata domanda di aglio americano: la sua azienda di famiglia Vessey & Company ha smesso di coltivare il raccolto un po' di anni fa, poiché non potevano renderlo redditizio di fronte alle importazioni cinesi. "Allontanarsi dal settore dell'aglio è stata una decisione molto difficile per me", afferma. "Ci sono state tre generazioni prima di me che hanno dedicato gran parte della loro vita all'aglio. Ma ho deciso che se ci fosse stata la possibilità per la nostra attività di sopravvivere alla quinta generazione, avremmo dovuto cedere le nostre aziende agricole."
Per quasi 100 anni la sua famiglia aveva coltivato aglio insieme ad altre verdure, come cavoli e cavolfiori. "L'aglio, per molti anni, ha rappresentato oltre il 50% delle nostre entrate", aggiunge Vessey. "Ma una volta che i cinesi hanno iniziato a scaricare prodotti nel mercato statunitense, abbiamo iniziato a ridurre la superficie coltivata e a costruire altri settori della nostra attività".
 
Frank Lavin, ex sottosegretario al commercio internazionale presso il Dipartimento del commercio, spiega che il problema era che gli importatori cinesi erano troppo veloci. "Sarebbero stati scoperti e sanzionati, e poi avrebbero semplicemente creato un'altra struttura fittizia", ​​dice. "Il fatto è che sono stati più agili nella creazione di queste entità di quanto le dogane statunitensi potrebbero essere nel scoprirle."
 
Christopher afferma che, al contrario, le tariffe del presidente Trump "sono molto facili da applicare perché l'aglio ora non può nemmeno entrare nel paese prima che le tariffe vengano fatturate. Questo è ciò che cambia tatticamente il gioco". Infine aggiunge che i media hanno torto ad attaccare la severa politica tariffaria del presidente - gli Stati Uniti hanno ora istituito tariffe su $ 200 miliardi di merci cinesi. "È stato difficile parlare di ciò, poiché i media sminuiscono continuamente le tariffe in quanto feriscono gli agricoltori, mentre in realtà avvantaggia l'industria nazionale".