Contattaci subito
torna indietro

Il programma di Upcycling operato da Samsung è realtà.

Due anni fa, Samsung Electronics ha autorizzato alcuni dei suoi ingegneri a reinventare un modo per riutilizzare i vecchi telefoni cellulari Galaxy raccolti attraverso il programma di raccolta dei rifiuti elettronici dell'azienda, che accumula circa 100 milioni di sterline di gadget ogni anno.
 
L'idea è diventata la base per un'iniziativa di upcycling open source, guidata dalla Samsung's Internet of Things (IoT), che incoraggia altri sviluppatori e appassionati a fare lo stesso.
 
"Nella misura in cui è possibile mantenere materiali funzionali in commercio, questo è il più alto ordine di una strategia di economia circolare. Questi prodotti hanno una potenza di elaborazione sufficiente per fare molte cose", ha affermato Mark Newton, responsabile della sostenibilità aziendale di Samsung Electronics America, durante un recente aggiornamento sulle iniziative ambientali del brand.
 
Per trasformare un telefono più vecchio (di almeno due o tre anni fa) in una nuova piattaforma pronta per lo sviluppo, gli ingegneri di Samsung hanno resettato i dispositivi con un software aggiornato, consentendo lo sviluppo di applicazioni personalizzate. Mentre molti concetti iniziali del programma pilota erano incentrati sul consumatore, alcune idee ora emerse potrebbero rivelarsi molto più efficaci dal punto di vista commerciale o sociale.
Un esempio è un'applicazione che potrebbe convertire un telefono cellulare dotato di fotocamera in un dispositivo medico da $ 300 in grado di controllare le malattie degli occhi, un'alternativa alle migliaia di dollari che un professionista sanitario potrebbe dover spendere per apparecchiature proprietarie. La sensibilità alla base di tale idea è legata alla maggiore spinta di Samsung a sensibilizzare i propri clienti agli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Sì, ha anche un'app per questo, che spiega i 17 obiettivi e incoraggia le persone a supportare progetti specifici.
 
L'idea del dispositivo medico non è un prodotto reale (almeno non ancora), ma potrebbe rivelarsi utile nelle economie emergenti quando si tratta di diagnostica sanitaria - e l'idea che potrebbe diventare un'offerta commerciale non è del tutto fuori portata. Samsung ne ha parlato durante la recente conferenza degli sviluppatori e ha in programma di sperimentare la soluzione in diversi paesi, escluso il Vietnam.
 
Perché è intrigante? Samsung è uno dei più grandi collezionisti di rifiuti elettronici al mondo: dal 2008 ha recuperato cumulativamente più di 1 miliardo di sterline negli Stati Uniti, anche se bisogna tener presente che ciò non riguarda solo i telefoni cellulari (frigoriferi, televisori, elettrodomestici di ogni genere). Il suo obiettivo a lungo termine è di recuperare oltre 15 miliardi di sterline di elettronica a livello globale entro il 2030, ha affermato Newton.
 
L'attenzione della società sul riutilizzo è solo uno dei componenti di una serie abbastanza dettagliata di principi di economia circolare. Ad esempio si parla anche di opzioni di riparazione più ampie per mantenere i gadget sul campo più a lungo o di introduzione di nuovi design modulari per i frigoriferi che consentono una maggiore flessibilità di materiali e configurazione.
 
Come molte aziende di elettronica di consumo, Samsung si sta anche concentrando sull'uso di materiali post-consumo, in particolare plastica riciclata. Molti frigoriferi, lavatrici, condizionatori d'aria, televisori, monitor e caricabatterie per telefoni cellulari sono realizzati con materiali eco sostenibili.
Nel 2018, l'azienda ha utilizzato 40.000 tonnellate di materiali riciclati da bottiglie d'acqua e altre fonti. Entro il 2030, prevede di raggiungere le 500.000 tonnellate nella quantità "accumulata" di plastica riciclata utilizzata.