Contattaci subito
torna indietro

Mentre gli ospedali applicano regole rigide, i neogenitori usano FaceTime per vedere i loro neonati

Quando Shelby Law ha dato alla luce il suo bambino alla fine di marzo, lei e suo marito hanno visitato liberamente il loro neonato nell'unità di terapia intensiva neonatale dell'ospedale.
 
Ma tre giorni dopo, il Northside Cherokee Hospital di Camden, in Georgia, ha cambiato le sue politiche allo scopo di vietare l'accesso a tutti i visitatori a causa delle crescenti preoccupazioni per l'epidemia di coronavirus.
"Ci è stato detto che non ci era più permesso di visitare nostro figlio Rory in terapia intensiva neonatale", ha detto Law alla CNN Business. "L'abbiamo salutato e siamo tornati a casa."
La coppia ora lo controlla due volte al giorno tramite la piattaforma di chat video FaceTime di Apple, grazie all'aiuto di un'infermiera che chiama ad orari prestabiliti, quando si nutre o fa il bagno.
"Siamo sollevati di avere l'opzione di FaceTime per vedere nostro figlio e capiamo perché esista una tale politica in atto, ma mentirei se non ammettessi di aver pianto per giorni", ha detto Law.
 
Gli ospedali negli Stati Uniti continuano a essere sopraffatti dai pazienti COVID-19: a New York, i letti dei pazienti fiancheggiano i corridoi di alcune strutture, gli oblò traboccano e le scorte come i ventilatori scarseggiano. Di conseguenza, un numero crescente di ospedali sta vietando o limitando le visite agli asili specializzati nella cura di neonati malati o prematuri, un aspetto demografico particolarmente vulnerabile alla contrazione di malattie esterne. I servizi di chat video come FaceTime sono diventati un'ancora di salvezza per molte famiglie alle prese con questi cambiamenti, dando loro la possibilità di legarsi con i loro bambini da lontano.
Julianna Grogan, una madre con sede a New York City a cui è stato diagnosticato il COVID-19 prima della nascita di sua figlia, ha dichiarato a CNN Business che suo marito l'ha sostenuta durante il parto tramite FaceTime, poiché non era ammesso alla camera. "Fortunatamente, avevo un supporto con una clip per fissare il mio telefono al letto." Ora si sta riprendendo da sola nella sua stanza d'ospedale, sia dal parto che dal virus.
 
Alcuni ospedali hanno avviato un processo più formale. Al Prentice Women's Hospital della Northwestern Medicine, che ora limita le visite della terapia intensiva neonatale a un solo genitore, un'app chiamata Smart NICU2Home consente il controllo remoto dei bambini. I genitori possono ricevere aggiornamenti durante il giorno sui segni vitali del loro bambino, comprese le informazioni sulla respirazione, sul peso, sui movimenti e sui farmaci intestinali e accedere alle funzioni di salute mentale, come le tecniche di riduzione dello stress.
"Quando il Covid-19 iniziò a diffondersi e gli ospedali iniziarono a chiudere le porte ai visitatori, ci siamo resi conto che si trattava di una condizione tremenda per i genitori e i loro bambini", ha affermato il dott. Craig Garfield, professore di pediatria nordoccidentale, che lavora anche al Lurie Children's Hospital di Chicago. Insieme al dottor Young Seok Lee, professore aggiunto della Northwestern, hanno lanciato l'app diversi anni fa per un piccolo gruppo di bambini ricoverati in terapia intensiva neonatale; ora hanno deciso di distribuirla a tutte le famiglie nel reparto di assistenza speciale per fronteggiare questa particolare emergenza. "Già è difficile per chiunque avere una persona cara in ospedale e non poterla visitare, i nuovi genitori sono particolarmente traumatizzati, poiché hanno atteso mesi e mesi per diventare madri e padri", ha aggiunto Garfield.
 
Nel frattempo, alcuni ospedali hanno già formalizzato sistemi di chat video. Il programma di webcam FamilyLink della Davis Medical School dell'Università della California è stato lanciato nel 2014 come modo per consentire ai genitori con neonati che avevano bisogno di assistenza ospedaliera a lungo termine di tornare a casa per prendersi cura degli altri bambini o tornare al lavoro.
I genitori ricevono informazioni di accesso sicure quando il loro bambino è ammesso in terapia intensiva. Tutti i 49 dei letti NICU sono ora dotati di webcam Logitech.
Mentre l'interazione a distanza con un neonato può sembrare impersonale, la dott.ssa Kristin Hoffman di UC Davis ha affermato che la ricerca ha dimostrato che i genitori sono ancora effettivamente in grado di legare con i bambini in questo modo, soprattutto quando si tratta di aiutare l'allattamento al seno - una preoccupazione per molte famiglie con bambini in terapia intensiva neonatale. "Dalla nostra ricerca, sappiamo che le famiglie che hanno usato FamilyLink avevano maggiori probabilità di avere un'intenzione prolungata per allattare al seno - il latte materno è come una medicina, in particolare per i bambini piccoli, e quindi questa scoperta è molto eccitante", ha detto.
 
Sebbene il legame con i bambini da remoto non sia ciò che molti genitori immaginano, sta pian piano diventando una normalità per molti di loro.